sabato 23 giugno 2012

Recensione: Chi è Mara Dyer di Michelle Hodkin

Salve a tutti, miei cari amici lettori!

Dopo la cinquantesima puntata della rubrica a cadenza settimanale In My Mailbox (qui), sono ritornato, in questo pomeriggio afoso di giugno, sul Blog per parlarvi di una lettura da poco terminata. Una lettura che inizialmente mi aveva letteralmente conquistato, ma che con il suo proseguo mi ha un po’ deluso. Non sto dicendo che il libro non mi sia piaciuto - attenzione! -, però mi aspettavo di più. Le premesse lasciavano trasparire qualcosa di più positivo…

Rullo di tamburi!

«Ti inseguirà come un sogno. Ti trascinerà senza via di scampo.»
(Cassandra Clare, autrice della serie Shadowhunters)


Titolo: Chi è Mara Dyer
Autore: Michelle Hodkin
Titolo originale: The Unbecoming of Mara Dyer
C. E.: Mondadori, collana Chrysalide
Prezzo: 16.00 euro
Pagine: 431
Genere: Thriller Paranormale Young Adult

Trama: Era solo un gioco. Eppure Mara non voleva partecipare alla seduta spiritica con le sue amiche Rachel e Claire. Sei mesi dopo, Mara si risveglia dal coma in una stanza di ospedale. E le sue amiche sono morte. Cos'è successo quella notte al manicomio abbandonato? Perché Mara è l'unica sopravvissuta? Orribili allucinazioni iniziano a perseguitarla e un dubbio si insinua nella sua mente: e se fosse stata lei a causare quelle morti, come aveva predetto la seduta spiritica? L'incontro con il turbolento, bellissimo Noah potrebbe essere la sua salvezza o la sua definitiva condanna. Perché anche Noah ha un segreto, legato al grande mistero che la tormenta: chi è Mara Dyer?


La mia opinione

Non avete idea di quanto sia difficile per me stilare questa recensione. Pensate, per giorni ho immaginato questo momento. Riuscivo persino a vedermi seduto dietro la mia scrivania con un sorriso raggiante perennemente stampato sulla faccia e il classico sguardo di chi ha appena terminato di leggere qualcosa di puramente strepitoso puntato sullo schermo del computer, il tutto, magari, accompagnato dalla presenza del romanzo Chi è Mara Dyer di Michelle Hodkin, il quale, poggiato in piedi sull’ultimo ripiano della libreria dinanzi a me, mi fissava ancora più felice del sottoscritto per esser riuscito ad andarmi a genio. Inutile dire che la situazione, invece, è quasi del tutto differente. Certo, sono sempre seduto dietro la mia scrivania e Chi è Mara Dyer è di fronte a me, ma sul mio viso non è dipinto alcun sorriso, il mio sguardo non è quasi per nulla raggiante. E tutto ciò non è dovuto al caldo soffocante che negli ultimi tempi mi sta uccidendo, ragazzi: è dovuto soprattutto a Chi è Mara Dyer. Da mesi attendevo con ansia la sua pubblicazione in Italia. Amavo la sua cover, veneravo il suo plot, riponevo fiducia nelle più che entusiastiche opinione lette in Rete firmate dai nostri colleghi d’oltreoceano. E invece? Una mezza delusione. Sicuramente la cover e il fantastico formato targato Chrysalide attraverso il quale la Casa Editrice Mondadori ha lasciato giungere fra gli scaffali dei book-shop italiani Chi è Mara Dyer merita di esser segnalato - in positivo - almeno tanto quanto la fetta paranormale appartenente alla trama del volume. Ma c’è stato un elemento, uno solo, onnipresente durante  la lettura della seconda metà del tomo, che è riuscito a scombussolare del tutto i miei piani riguardo Chi è Mara Dyer. Che non gli ha permesso di subentrare di diritto all’interno della lista dei miei romanzi preferiti, come invece avevo previsto. Un elemento che mi lascia davvero perplesso e che da tempo non mi assaliva in questa maniera. Di cosa si tratterà? Prima di scoprirlo, immergiamoci lentamente all’interno della trama a metà strada fra il Mystery e l’Urban Fantasy di Chi è Mara Dyer.

Chi è Mara Dyer, romanzo d’esordio dell’ormai parecchio apprezzata autrice Michelle Hodkin, primo volume di una duologia già pianificata intitolata Mara Dyer, il cui secondo ed ultimo tomo, The Evolution of Mara Dyer, sarà disponibile negli Stati Uniti solo a ottobre 2012 - e quindi per il 2013 in Italia -, narra le vicende della teenager Mara Dyer - che non è il vero nome della protagonista ma, come suggerito anche dal Teaser promozionale reso pubblico dalla Mondadori da un po’ di tempo a questa parte, uno pseudonimo - a partire dal momento che segnerà per sempre la sua esistenza in poi. Nelle prime pagine del libro, infatti, il lettore viene catapultato nel Prima degli avvenimenti effettivi raccontati dalle pagine di Chi è Mara Dyer. Il lettore si ritrova dinanzi ad una Mara spensierata, divertita, che consulta per scherzo assieme alla sua più cara amica, Rachel, e alla guastafeste Claire, giunta solo da poco nel paese in cui Mara e la sua famiglia vive e che le pian piano sta sgraffignando Rachel, una tavola Ouija a cui proprio Rachel chiede in che maniera avverrà la sua morte, e la tavola, in modo piuttosto sconcertante e ben realizzato, indicherà semplicemente un nome: Mara. È a questo punto che il lettore viene trascinato nel Dopo, nel presente delle vicende raccontate in Chi è Mara Dyer. Mara si trova in un letto d’ospedale. I medici le spiegano che è rimasta incosciente per tre giorni consecutivi. Che si è salvata da una catastrofe. Che il Manicomio è crollato. Che Rachel, Claire e Jude, il suo ragazzo nonché fratello di Claire, erano morti. Ma Mara non ricorda nulla. Mara non sa di cosa stiano parlando. Sa solo che non c’è più posto per lei nel Rhode Island. Così, il padre e la madre di Mara decidono di trasferirsi assieme ai loro tre figli in Florida, nei pressi di Miami, dove Mara potrà rifarsi una vita. Ma sarà proprio lì che, invece, la nostra miracolata protagonista sarà vittima di avvenimenti inspiegabili: visioni spaventose la perseguiteranno di giorno e incubi terrificanti che l’aiuteranno a rammentare il passato la turberanno di notte. Cosa sarà mai successo al Manicomio, in realtà? E cosa desidererà mai Noah, il british bad guy della situazione, che pare essere interessato a Mara?

Okay, va bene. Mi rendo conto che tutta questa suspense per l'elemento di cui parlavo sopra, quel qualcosa che riguardo solo me, e che, a quanto pare, non è stato riscontrato in nessun altro lettore che si sia ritrovato in compagnia di Mara Dyer, è un po’ troppo. Ma siccome si tratta di un difetto, e di certo il mio voto finale sarà più basso in confronto alla strabiliante media che su siti come aNobii e Goodreads il tomo possiede, devo inserirlo nell’ultimo paragrafo. Ho bisogno di lasciarvi quel senso di amarezza in bocca che nella recensione riguardo Anna vestita di sangue di Kendare Blake (qui) avevo tanto bandito. Per cui, adesso, analizziamo pure insieme i pregi di Chi è Mara Dyer. Primo fra tutti, lo stile narrativo dell’autrice. Cavolo, ragazzi, ammetto di non aver neanche lontanamente percepito che Michelle Hodkin fosse una scrittrice esordiente finché non mi son ritrovato a svolgere qualche ricerca on-line per la presente recensione. Ho adorato la poesia della sua penna. Un penna di certo fluida, colma di arricchimenti raffinati, che mescola per bene sequenze descrittive e dialogiche - anche se queste, qualche volta, hanno avuto la meglio. Mi è piaciuta, poi, anche la struttura del volume. I Prima e i Dopo hanno reso la lettura più intrigante. Anzi, devo proprio ammettere che sono stati i Prima a spingermi nel terminare il volume in così poco tempo, se fosse stato per i Dopo sarei ancora intorno a pagina cento. Ultima carrellata di pregi principali da affibbiare a Chi è Mara Dyer: partiamo con proprio con Mara Dyer. Già, avete letto bene e mi scuso per la ripetizione, era necessaria. Ho trovato Mara una protagonista davvero interessante, contestualizzata in un mondo altrettanto ben costruito e in un universo sovrannaturale ottimamente plasmato. Certo, se parliamo di Mara ritorniamo sulla scia delle classiche protagoniste Urban Fantasy a cui fino a qualche tempo fa leggevamo in continuazione, ma è stata proprio quella lieve spolverata di clichés che l’autrice ha amalgamato all’interno del suo personaggio - e che va indubbiamente in contrasto con i freschi e innovativi elementi sovrannaturali di cui Chi è Mara Dyer può vantarsi - a rendere Mara reale e soprattutto originale. 

Ebbene, signore e signori, il momento clou della recensione è finalmente giunto. Il difetto principale di Chi è Mara Dyer secondo il sottoscritto sta per esser annunciato. La pecca che si è intromessa fra me e le mie fantasticherie riguardo questo romanzo, che si prometteva davvero splendido, sta per diventare di dominio pubblico. Musichetta triste, prego. Ragazzi, sembra qualcosa di futile, ma vi avverto: non lo è. Si tratta della più grande sbavatura che un libro possa avere e del peggior stato d’animo che possa riscontrare in colui che si ritrova a sfogliarlo: la Noia. Okay, sono convinto che qui qualcuno avrà storto il naso, qualcun altro sarà scoppiato a ridere, e ci sarà di certo qualche altro che avrà sgranato gli occhi. Ma è proprio così. Santo cielo, a un certo punto mi è venuta voglia di urlare. Era da tempi immemori che un romanzo non mi annoiava in questa maniera. Nelle parti smielate e sdolcinate fra Mara e Noah, camuffate in scontri psicologici d’alto rango, e nei loro appuntamenti che ricalcano la classica scena dove Lui fa: «Verresti con me?», e lei ribatte: «Sì, ma non è un appuntamento», quando nel frattempo sta pensando: Certo-che-lo-è-e-non-dovrei-accettare-ma-esco-lo-stesso-con-lui-perché-è-un-figo-da-paura-però-non-glielo-dirò-mai-visto-che-non-ho-intenzione-di-accontentarlo, e il tutto si conclude con baci appassionati tra adolescenti, sono stato davvero sul punto di lanciare Chi è Mara Dyer fuori dalla finestra. Ragazzi, mi spiace se non la pensate come me, se avete trovato il rapporto fra Mara e Noah speciale, ma capitemi: ho all’attivo quasi trecento romanzi destinati ad un pubblico di Young Adults letti nel giro di due-barra-tre anni, e questo non mi è sembrato altro che l’ennesimo copia-incolla di fronte a cui mi ritrovo. Sbadigliare diventa quasi d’obbligo per me, a questo punto. E poi, sinceramente, non mi sarei mai e poi mai aspettato una roba del genere da Chi è Mara Dyer. Mi ero preparato ad un tomo del tutto differente. Peccato. Davvero. Tutta quell’aspettativa andata in fumo. Menomale che erano presenti i Prima, di cui ho ampiamente parlato più su. Se ho apprezzato discretamente Chi è Mara Dyer è soprattutto a causa loro.

Conclusione. Non so se, in fondo, quell’amaro in bocca che vi avevo promesso lo stiate sentendo, ma se è davvero così, sono pronto a chiarificarvi ulteriormente le idee, suggerendovi o meno il romanzo grazie ad una suddivisione di noi lettori in tre categorie - è il modo più comodo che abbia trovato. Categoria Numero Uno: volete un romanzo di genere Urban Fantasy con una sottotrama Mystery incredibilmente gradevole, servita, però, solo come contorno di una storia d’amore incredibilmente sugli standard che siete convinti non vi farà venire la nausea? Comprate Chi è Mara Dyer. Lo amerete nel vero senso della parola. Categoria Numero Due: ne avete abbastanza di storie alla Patch e Nora de Il bacio dell’angelo caduto di Becca Fitzpatrick (qui, la mia recensione) però vi attira la sottotrama Mystery mescolata all’Urban Fantasy di cui accennavo sopra? Comprate ugualmente Chi è Mara Dyer. Non rientrerà fra i vostri volumi preferiti e a tratti vi potrebbe annoiare, ma alla fine non ne sarete del tutto delusi e riuscirete ad apprezzarlo discretamente. Categoria Numero Tre: state per gridare un «Basta!» tremendo alle classiche storie romantiche da tempo propinateci dagli autori, e il plot di Chi è Mara Dyer vi attira ma non più di tanto? Girate alla larga dal romanzo.


Michelle Hodkin
  Mara Dyer Series
    1. Chi è Mara Dyer, 2012 (The Unbecoming of Mara Dyer, 2011)
    2. inedito in Italia (The Evolution of Mara Dyer, previsto negli USA per ottobre 2012)


Consigliato e non consigliato.
Dipende da quale delle tre Categorie di lettori
di cui parlavo nell’ultimo paragrafo della recensione appartenete.


Voto:  3 ½


P.S.: Giusto per saziare la vostra curiosità, nel caso ci fosse: io appartengo alla Categoria Numero Due.


Michelle Hodkin

Michelle Hodkin è cresciuta nel sud della Florida, è andata al college a New York e ha studiato legge nel Michigan. Quando non scrive la si può trovare intenta a districare strani oggetti dalle fauci dei suoi tre animali domestici. Questo è il suo primo romanzo.

29 commenti:

  1. Appena ho letto le prime righe ho pensato: avrà dato 3 stelle e mezzo. E infatti è così. Dunque appartieni alla seconda categoria di lettori tra quelle che hai catalogato? :) A questo punto non so se mi potrebbe piacere... IL bacio dell'angelo caduto, in fondo, mi è piaciuto un pò, ma non troppo. Comunque buona recensione come al solito. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D Essì, ormai sai più o meno come valuto :)

      Elimina
  2. Bellissima recensione, Jean. La Mondadori mi ha inviato il tomo, lo attendo con ansia.. Spero di non essere d'accordo con te haha ovviamente voglio che mi piaccia :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, Ronnie :D Spero anche io che ti piaccia tanto quanto è piaciuto al resto del mondo XD E grazie mille per i complimenti ^^

      Elimina
  3. A me è piaciuto, ma ho trovato la tua recensione veramente carinissima :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Mik! :D So che ti è piaciuto: ho letto la tua recensione a riguardo :)

      Elimina
  4. Bella recensione! Beh io l'ho adorato... Comunque ognuno ha il suo punto di vista! ;D
    E devo farti i complimenti, sei un divoratore di libri! E anche le recensioni sono molto belle e sostanziose, e ne sforni una dopo l'altra, sei bravissimo! ^_^ Ciao! Io è un periodo che sono un po' lenta con la lettura, perché un po' il caldo che mi fa scappare la voglia di fare tutto, e un po' gli impegni. >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, so che l'hai adorato, Lenah :D Grazie mille per i complimenti! Non sai quanto contino per me *w* E poi anche tu sei una divoratrice di libri: spero che l'estate non ti blocchi, perché come faremmo senza le tue recensioni? :)

      Elimina
  5. Ok penso sinceramente di essere nella terza categoria XD
    Le storie d'amore tutte simili in effetti hanno iniziato a stufarmi da un po' lo devo ammettere!
    In più la trama non mi ha mai del tutto convinto... quindi mi sa che sta volta il libro non finirà nella mia wishlist!
    Comunque complimenti per la recensione, accuratissima come sempre (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Deni! *w* Sono contento che la mia suddivisione sia servita, in fondo XD

      Elimina
  6. Uhm... forse appartengo alla terza pur'io -_- ma voglio leggerlo comunque, sono troppo curioso!! :P
    Recensione davvero carina :D ciao Jeanclaude, buon inizio settimana ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i complimenti, Matteo :D Allora non vedo l'ora di scoprire cosa ne pensi ^^

      Elimina
  7. Recensione strepitosa come sempre!
    Penso di essere nella seconda categoria, in questo momento sono appena uscita dal vortice di Dreamless e dal triangolo amoroso Lucas-Orion-Helen per cui potrei far parte anche della terza xD
    E' già primo nella lista dei miei acquisti e non vedo l'ora di leggerlo, è da davvero troppo tempo che lo aspetto ^^
    Essendo il primo commento che faccio sul blog nonostante legga sempre le recensioni approfitto per dirti che è un blog davvero bello e che commenterò più spesso d'ora in poi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Elena :D Grazie grazie grazie :) Non vedo l'ora di sapere cosa ne pensi, allora! :D

      Elimina
  8. Recensione magnifica,anche se come sai a me è piaciuto davvero tanto :) mi sono rimasti solo dei dubbi riguardo alla cover,che a me piace molto,ma nn riesco a collocarla con la storia e il finale,di cui ho tratto la mia conclusione,ma nn so se è giusta :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Franci :D Sì, la cover, nonostante sia fenomenale, è lievemente poco congruente alla trama. Ma io la trovo pazzesca *w*

      Elimina
  9. Noia noia noia anche per me.. altro che lanciarlo dalla finestra io ho anche saltato delle pagine pur di arrivare alla fine O.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL XD Ad un certo punto erano più i miei sbadigli che le parole del romanzo :D

      Elimina
  10. Non so mai se leggere le tue recensioni XD Molti libri li leggiamo tutti e due ma tu, essendo moooolto più veloce di me, puoi dirmi se meritano o meno. Quando però la mia voglia vacilla, leggere i tuoi pensieri, influisce moltissimo sul mio giudizio!
    Questo sarà il prossimo libro che leggerò ma.... adesso mi fà pauraaaaaaaaaaaaaaaa XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL Noe :D Guarda, fai come me: dopo aver letto questa recensione, pensa al resto del mondo - a cui, invece, Chi è Mara Dyer è piaciuto -, e adesso comincia a sfregarti le mani rammentandoti in continuazione che presto darai la tua opinione a riguardo ;) Che io non vedo l'ora di conoscere, tra l'altro XD

      Elimina
  11. prima finisco "bleeding Love" e poi attacco con questo XD sai che se c'è da fare una recensione alla "pecora nera", io sono sempre pronta XD

    RispondiElimina
  12. Ciao Jeanclaude,
    Sono appena ritornata da una bella vacanza, pronta a leggere quello che mi sono persa del mio recensore preferito quando, i miei occhi hanno incontrato il su scritto commento che, devo dire, ha suscitato la mia ilarità. Sì, perché mi è sembrato di leggere il tragicomico racconto di un innamorato che ha appena beccato la sua donzella a infliggergli un’onta che, in questo caso, può essere lavata solo con… l’inchiostro. Magari, quello che riempirà in modo più soddisfacente le pagine del seguito di “Chi è Mara Dyer.” Ormai il mito è sfatato, lo so, ma non è detto (o almeno, te lo auguro) che il secondo tomo della serie ti annoi pure o peggio ancora, ti esasperi a tal punto da fargli prendere la via della finestra che, quasi quasi, sarebbe toccata in sorte al fratello maggiore. Ammetto però, che ho provato anche sollievo, giacché mi sono detta, non sono l’unica in circolazione ad accalorarsi per un libro che ha disilluso l’attesa iniziale di una storia capace altrimenti, di regalare profonde emozioni. Attraverso le tue parole, ho sentito la frustrazione e il rammarico che hai provato per la mancata aspettativa e mi è dispiaciuto sì, ma allo stesso tempo è stato come se mi offrissi solidarietà. Forse non mi crederai o penserai che stia esagerando, ma ti posso assicurare che nessuno dei miei amici riesce a comprendere come io possa prendermela per un racconto che mi ha delusa. Un libro è solo un libro mi dicono, non lo puoi cambiare, tantomeno puoi tirare fuori dalle pagine i personaggi che ti hanno fatto uscire il vapore dalle orecchie e dargli un sacco di legnate, quindi… obiezioni ragionevolissime, se non fosse, che certi sentimenti più o meno nobili, non sono frutto del mio raziocinio, ma dello spirito d’immedesimazione che ti porta a condividere, grossomodo, con i protagonisti della narrazione, il loro mondo virtuale. Se dovessi accostarmi a un libro con questo realismo, dubito che riesca ad apprezzare l’immaginazione dell’autore. Poi, ogni lettore ha il suo modo di reagire. Come al solito il tuo commento ha fatto centro, ma la cosa che ho apprezzato di più è stata la schiettezza con cui hai mostrato uno spicchio del tuo essere. Continua così Jeanclaude.
    Un’appassionata lettrice di fantasy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata, cara :) Spero che le tue vacanze siano state esaustive e rilassanti ^^ E' un piacere poter leggere nuovamente i tuoi dettagliati e minuziosi commenti, che non fanno che riempirmi di gioia. Sono contento di non essere l'unico e il solo a rammaricarsi in seguito a quelle letture che deludono le mie aspettative ^^ Grazie mille per i complimenti!! :)

      Elimina
    2. Sembra che mi hai aperto la porta del tuo blog e mi hai invitata a entrare. Ho sentito perfino l'aroma del caffè nell'aria... non c’è che dire, sei un eccellente padrone di casa pieno di savoir faire.

      Elimina
  13. Nu, noia no! Ho aspettato a leggere la tua recensione, volevo prima finire il libro... peccato che non ti sia piaciuto, io ho apprezzato molto lo stile dell'autrice e anche il lato mistery della storia!
    A quanto sembra questo libro sta dividendo i lettori in due correnti : o lo si ama o lo si odia! Io sono curiosa di leggere il seguito! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, in fondo, attendo il secondo. Spero che si risollevi :)

      Elimina